La noia di Damiani: ovvero quando il pubblico stronca il critico