Desiderio, crudeltà e conversione nell’«Agnes» di Rosvita di Gandersheim