“La cosa”, tra l’architettura e il packaging