Recensione a G. Palumbo, "Finitezza e crisi del senso"