Il falso «sembiante» degli ipocriti. Lettura di Inferno, canto XXIII