La laurea ad honorem a Francesco Rosi e l’invito alla visione de “Le mani sulla città”