INTRODUZIONE: Abbiamo pensato di effettuare uno studio che indagasse circa la presenza delle citochine nell’albuginea di soggetti affetti da malattia di La Peyronie. Le citochine, in quanto responsabili della comunicazione intercellulare, potrebbero essere coinvolte nella patogenesi della malattia. L’individuazione di una o più citochine responsabili potrebbe, infatti, risultare utile nel trattamento farmacologico grazie ai c.d. farmaci biologici, in grado di interferire con le citochine. MATERIALI E METODI: Per lo studio sono stati reclutati tra gennaio 2009 e dicembre 2010 presso l’Ambulatorio di Chirurgia Andrologica del Policlinico di Palermo 20 soggetti affetti da malattia di La Peyronie (fig. 1) e 8 soggetti affetti da recurvatum penis congenito, questi ultimi adoperati come controllo. Come criteri di inclusione allo studio abbiamo considerato i criteri di operabilità con corporoplastica secondo Nesbit. I prelievi bioptici ottenuti dalle losanghe escisse in corso di intervento chirurgico sono stati utilizzati per saggiare l’espressione genica, attraverso Real-Time PCR, di citochine pro-fibrotiche e pro-infiammatorie. Inoltre sono stati sottoposti dopo fissazione ad esame istologico con la colorazione ematossilina-eosina. RISULTATI E DISCUSSIONE: L’esame istologico ha rilevato l’assenza di cellule infiammatorie in tutti i pazienti recensiti per lo studio. L’analisi dell’espressione dei geni codificanti per IL-4 (Interleuchina-4), IL-6 (Interleuchina-6), IL-13 (Interleuchina-13), TGF-β1 (Trasforming Growth Factor - β1), IL-2 (Interleuchina-2), IL-10 (Interleuchina-10), TNF-α (Tumor Necrosis Factor- α) e IFN-γ (Interferone- γ) ha evidenziato in tutti i campioni un livello molto basso di trascritti e in alcuni casi indosabili (fig. 2). Inoltre i livelli dei trascritti delle citochine prese in esame sono risultati minori nei campioni provenienti dagli individui affetti da malattia di La Peyronie rispetto ai controlli. CONCLUSIONI: Alla luce dei risultati ottenuti, l’utilizzo di farmaci biologici (anticorpi) contro le citochine non sembra essere applicabile nella fase stabile della malattia di La Peyronie

Pavone, C., Caruana, G., Abbadessa, D., Usala, M., Scaduto, G., Colomba, P., et al. (2015). Cytokine gene expression in the tunica albuginea in patients with Peyronie's disease. Pilot study with a control group. JOURNAL OF BIOLOGICAL RESEARCH, 88(1), 115-116.

Cytokine gene expression in the tunica albuginea in patients with Peyronie's disease. Pilot study with a control group

PAVONE, Carlo
;
CARUANA, Giovanni;ABBADESSA, Daniela;SCADUTO, Giovanna;COLOMBA, Paolo;ALESSANDRO, Riccardo
2015-01-01

Abstract

INTRODUZIONE: Abbiamo pensato di effettuare uno studio che indagasse circa la presenza delle citochine nell’albuginea di soggetti affetti da malattia di La Peyronie. Le citochine, in quanto responsabili della comunicazione intercellulare, potrebbero essere coinvolte nella patogenesi della malattia. L’individuazione di una o più citochine responsabili potrebbe, infatti, risultare utile nel trattamento farmacologico grazie ai c.d. farmaci biologici, in grado di interferire con le citochine. MATERIALI E METODI: Per lo studio sono stati reclutati tra gennaio 2009 e dicembre 2010 presso l’Ambulatorio di Chirurgia Andrologica del Policlinico di Palermo 20 soggetti affetti da malattia di La Peyronie (fig. 1) e 8 soggetti affetti da recurvatum penis congenito, questi ultimi adoperati come controllo. Come criteri di inclusione allo studio abbiamo considerato i criteri di operabilità con corporoplastica secondo Nesbit. I prelievi bioptici ottenuti dalle losanghe escisse in corso di intervento chirurgico sono stati utilizzati per saggiare l’espressione genica, attraverso Real-Time PCR, di citochine pro-fibrotiche e pro-infiammatorie. Inoltre sono stati sottoposti dopo fissazione ad esame istologico con la colorazione ematossilina-eosina. RISULTATI E DISCUSSIONE: L’esame istologico ha rilevato l’assenza di cellule infiammatorie in tutti i pazienti recensiti per lo studio. L’analisi dell’espressione dei geni codificanti per IL-4 (Interleuchina-4), IL-6 (Interleuchina-6), IL-13 (Interleuchina-13), TGF-β1 (Trasforming Growth Factor - β1), IL-2 (Interleuchina-2), IL-10 (Interleuchina-10), TNF-α (Tumor Necrosis Factor- α) e IFN-γ (Interferone- γ) ha evidenziato in tutti i campioni un livello molto basso di trascritti e in alcuni casi indosabili (fig. 2). Inoltre i livelli dei trascritti delle citochine prese in esame sono risultati minori nei campioni provenienti dagli individui affetti da malattia di La Peyronie rispetto ai controlli. CONCLUSIONI: Alla luce dei risultati ottenuti, l’utilizzo di farmaci biologici (anticorpi) contro le citochine non sembra essere applicabile nella fase stabile della malattia di La Peyronie
2015
Settore MED/24 - Urologia
Settore BIO/13 - Biologia Applicata
86 th Società Italiana di Biologia Sperimentale (SIBS) National Congress
Palermo
24-25 ottobre 2013
86
Pavone, C., Caruana, G., Abbadessa, D., Usala, M., Scaduto, G., Colomba, P., et al. (2015). Cytokine gene expression in the tunica albuginea in patients with Peyronie's disease. Pilot study with a control group. JOURNAL OF BIOLOGICAL RESEARCH, 88(1), 115-116.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
5161-18354-6-PB.pdf

accesso aperto

Descrizione: Journal of Biological Research 2015, 88 (1) per esteso
Dimensione 3.68 MB
Formato Adobe PDF
3.68 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/133101
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact