«Alcesti non è più Alcesti». La tragedia secondo Alberto Savinio