De Libero diarista: solipsismo e memoria remota nel quaderno n. 1 di «Borrador»