John H. Stubbs scrive che le costruzioni, opera dell’uomo, si trovano tutte in un dinamico stato d’interscambio verso un equilibrio con le forze della natura e che il patrimonio archeologico, per la sua particolare e intrinseca fragilità, essendo costituito di materia in avanzato stato di deterioramento, è particolarmente esposto all’azione degli agenti naturali, pertanto i problemi della conservazione e della presentazione in situ dei reperti archeologici rappresentano una delle maggiori difficoltà cui vanno incontro archeologi e conservatori di elementi architettonici. Tale giudizio, profondamente vero per tanti siti archeologici extra-urbani spesso lontani da qualsiasi possibilità di tutela e da qualsiasi richiamo economico-turistico, pur nella sua ovvia ponderatezza, va ampiamente modificato quando si parli di luoghi, densi di emergenze archeologiche, che si ritrovano nel contesto di ambienti intensamente antropizzati, come quelli delle città.

Faraci, G. (2013). Open air ruins: protection systems for Lucentum Rovine all’aria aperta: sistemi di protezione per Lucentum. In M.C. Ruggieri Tricoli, M. Germanà (a cura di), Urban archaeology enhancement Valorizzare l’archeologia urbana (pp. 150-177). PISA : ETS.

Open air ruins: protection systems for Lucentum Rovine all’aria aperta: sistemi di protezione per Lucentum

FARACI, Giorgio
2013

Abstract

John H. Stubbs scrive che le costruzioni, opera dell’uomo, si trovano tutte in un dinamico stato d’interscambio verso un equilibrio con le forze della natura e che il patrimonio archeologico, per la sua particolare e intrinseca fragilità, essendo costituito di materia in avanzato stato di deterioramento, è particolarmente esposto all’azione degli agenti naturali, pertanto i problemi della conservazione e della presentazione in situ dei reperti archeologici rappresentano una delle maggiori difficoltà cui vanno incontro archeologi e conservatori di elementi architettonici. Tale giudizio, profondamente vero per tanti siti archeologici extra-urbani spesso lontani da qualsiasi possibilità di tutela e da qualsiasi richiamo economico-turistico, pur nella sua ovvia ponderatezza, va ampiamente modificato quando si parli di luoghi, densi di emergenze archeologiche, che si ritrovano nel contesto di ambienti intensamente antropizzati, come quelli delle città.
Settore ICAR/12 - Tecnologia Dell'Architettura
Faraci, G. (2013). Open air ruins: protection systems for Lucentum Rovine all’aria aperta: sistemi di protezione per Lucentum. In M.C. Ruggieri Tricoli, M. Germanà (a cura di), Urban archaeology enhancement Valorizzare l’archeologia urbana (pp. 150-177). PISA : ETS.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
OPEN AIR RUINS PROTECTION SYSTEMS FOR LUCENTUM.bq.pdf

accesso aperto

Dimensione 7.17 MB
Formato Adobe PDF
7.17 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/117821
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact