Naturale e artificiale: l'occhio fotografico in Franz Roh