Sull'anti (neo) platonismo di Deleuze