Pluralismo etico, particolarismo e caratterizzazioni di desiderabilità: il modello triadico