"Ti recitano meglio di un giullare": simulazione e comicità in "Gianni Schicchi"