Della (dis)simulazione onesta (e meno onesta): come fare senza essere in italiano