LA PLACCA ATEROSCLEROTICA: UN COMUNE MECCANISMO FISIOPATOLOGICO?