La storia della teoria dell’eccezione, scrive Schwalbach, mostra una serie ininterrotta di malintesi. Ed in effetti l’istituto, dalla sua lontana origine nel processo formulare romano ad oggi, è stato caratterizzato da complesse e spesso contraddittorie evoluzioni e trasformazioni, parallelamente al mutare del contesto storico-sociale ed allo sviluppo della scienza giuridica. Tuttavia, scomparso il pretore e il mondo romano, scomparsa la visione medievale dell’impero e della compilazione giustinianea, l’istituto è, tuttavia, sopravvissuto legando indissolubilmente il suo significato alla teoria dell’azione. Definire l’eccezione vuol dire definire, innanzitutto, definire l’azione, osserva Colesanti; e la polisemia del vocabolo eccezione è, oggi, innanzitutto polisemia del vocabolo azione. In questo studio si cercherà di dare conto delle complesse evoluzioni dell’eccezione, tentandone un possibile inquadramento unitario che sia il più possibile coerente con il sistema del processo e che consenta, al contempo, di pervenire a validi risultati ermeneutici sul piano pratico. A questo primo volume, dedicato a concetti generali, seguirà un secondo (in preparazione) destinato all’analisi approfondita delle singole fattispecie di eccezione nel diritto positivo.

Russo, F. (2013). Contributo allo studio dell'eccezione nel processo civile. 1) Concetti e principi generali. Roma : Aracne editrice s.r.l..

Contributo allo studio dell'eccezione nel processo civile. 1) Concetti e principi generali

RUSSO, Federico
2013

Abstract

La storia della teoria dell’eccezione, scrive Schwalbach, mostra una serie ininterrotta di malintesi. Ed in effetti l’istituto, dalla sua lontana origine nel processo formulare romano ad oggi, è stato caratterizzato da complesse e spesso contraddittorie evoluzioni e trasformazioni, parallelamente al mutare del contesto storico-sociale ed allo sviluppo della scienza giuridica. Tuttavia, scomparso il pretore e il mondo romano, scomparsa la visione medievale dell’impero e della compilazione giustinianea, l’istituto è, tuttavia, sopravvissuto legando indissolubilmente il suo significato alla teoria dell’azione. Definire l’eccezione vuol dire definire, innanzitutto, definire l’azione, osserva Colesanti; e la polisemia del vocabolo eccezione è, oggi, innanzitutto polisemia del vocabolo azione. In questo studio si cercherà di dare conto delle complesse evoluzioni dell’eccezione, tentandone un possibile inquadramento unitario che sia il più possibile coerente con il sistema del processo e che consenta, al contempo, di pervenire a validi risultati ermeneutici sul piano pratico. A questo primo volume, dedicato a concetti generali, seguirà un secondo (in preparazione) destinato all’analisi approfondita delle singole fattispecie di eccezione nel diritto positivo.
Settore IUS/15 - Diritto Processuale Civile
978-88-548-6435-1
Russo, F. (2013). Contributo allo studio dell'eccezione nel processo civile. 1) Concetti e principi generali. Roma : Aracne editrice s.r.l..
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
6435 interno.pdf

accesso aperto

Dimensione 1.24 MB
Formato Adobe PDF
1.24 MB Adobe PDF Visualizza/Apri
6435 copertina.pdf

accesso aperto

Descrizione: copertina
Dimensione 166.79 kB
Formato Adobe PDF
166.79 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/84070
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact