Gruppo come spazio di transito e non luoghi