Figura importante di mediatore culturale, modello esemplare di custode della Biblioteca Regia di Palermo e già in vita tenuto in conto alla stregua di incarnazione del ‘proto-bibliotecario’, il profilo del teatino Joseph Sterzinger è apparso a lungo troppo frammentario, se non contraddittorio. Il volume traccia così la vicenda che condusse questo religioso dalla Baviera a Palermo. Se si può individuare, nella vicenda tedesca e italiana di Sterzinger, un filo conduttore, questo è fuori di dubbio l’orientamento antiscolastico e l’apertura alla cultura moderna. Già nell’opuscolo bavarese sulle streghe (1767), che in questo volume viene pubblicato per la prima volta in una traduzione italiana, egli si oppone con fierezza e sagacia all’argomentazione di derivazione tomistica che ancora reggeva, nella seconda metà del XVIII secolo, il castello delle credenze superstiziose e di un cosmo animistico abitato da streghe, maghi e folletti. Oggetto del suo scherno diviene la lotta di retroguardia condotta dagli Ordini mendicanti e dagli stessi Gesuiti. Il volume, dunque, consente di riannodare due esperienze lontane: quella di uno Sterzinger ‘tedesco’, che da giovane opera a sostegno del fratellastro più noto, quel Ferdinand che riusciva ad agglutinare le tendenze riformatrici e muratoriane attorno a un progetto di lotta alla superstizione che rifletteva pure intenti pragmatici, e quella di uno Sterzinger maturo, che a Palermo assume incarichi di prestigio per divenire in breve il punto di riferimento della politica borbonica nel cruciale comparto bibliotecario e censorio.

cusumano, n. (2013). Joseph Sterzinger Aufklärer teatino tra Innsbruck e Palermo (1746-1821). Palermo : Mediterranea.

Joseph Sterzinger Aufklärer teatino tra Innsbruck e Palermo (1746-1821)

CUSUMANO, Nicola
2013

Abstract

Figura importante di mediatore culturale, modello esemplare di custode della Biblioteca Regia di Palermo e già in vita tenuto in conto alla stregua di incarnazione del ‘proto-bibliotecario’, il profilo del teatino Joseph Sterzinger è apparso a lungo troppo frammentario, se non contraddittorio. Il volume traccia così la vicenda che condusse questo religioso dalla Baviera a Palermo. Se si può individuare, nella vicenda tedesca e italiana di Sterzinger, un filo conduttore, questo è fuori di dubbio l’orientamento antiscolastico e l’apertura alla cultura moderna. Già nell’opuscolo bavarese sulle streghe (1767), che in questo volume viene pubblicato per la prima volta in una traduzione italiana, egli si oppone con fierezza e sagacia all’argomentazione di derivazione tomistica che ancora reggeva, nella seconda metà del XVIII secolo, il castello delle credenze superstiziose e di un cosmo animistico abitato da streghe, maghi e folletti. Oggetto del suo scherno diviene la lotta di retroguardia condotta dagli Ordini mendicanti e dagli stessi Gesuiti. Il volume, dunque, consente di riannodare due esperienze lontane: quella di uno Sterzinger ‘tedesco’, che da giovane opera a sostegno del fratellastro più noto, quel Ferdinand che riusciva ad agglutinare le tendenze riformatrici e muratoriane attorno a un progetto di lotta alla superstizione che rifletteva pure intenti pragmatici, e quella di uno Sterzinger maturo, che a Palermo assume incarichi di prestigio per divenire in breve il punto di riferimento della politica borbonica nel cruciale comparto bibliotecario e censorio.
Settore M-STO/02 - Storia Moderna
978-88-96661-26-0
http://www.storiamediterranea.it/portfolio/joseph-sterzinger-aufklarer-teatino-tra-innsbruck-e-palermo-1746-1821/
cusumano, n. (2013). Joseph Sterzinger Aufklärer teatino tra Innsbruck e Palermo (1746-1821). Palermo : Mediterranea.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Monografia Joseph Sterzinger.pdf

accesso aperto

Descrizione: monografia
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 2.08 MB
Formato Adobe PDF
2.08 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/78298
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact