Agrigento nell'Ottocento: Schinkel, i viaggiatori e la cultura municipale