Il libro è proposto come introduzione filosofica e pedagogica alla vita interiore, piccolo manuale di idee ad uso degli educatori. È strutturato in testi brevi, che fanno ventisei capitoli, ordinati in tre parti. Nella prima, quella filosofica in senso proprio, sono giustificate le verità che essere-amato è l'ontologia della persona e che l'essere dello spirito è relazionalità in senso eminente: è essenza stessa della vita interiore il dialogo ininterrotto con quanto di prezioso è custodito nel cuore, i suoi amori e l'ordine secondo il quale si dispongono. La seconda parte, quella pedagogica in senso adeguato, intende l'educazione come una qualità speciale, la cui conquista dota la persona dell'interiorità oggettiva. Il volume propone di denotarla col termine attenzione, virtù etica e dianoetica generata dalla scelta di far vivere la parte più intima di noi stessi, intesi a salvare l'«anima dell'anima» - a far vivere lo spirito. Oggi sembra prevalente una disposizione antitetica, la distrazione, coscienza che s'accontenta di sostare sulla superficie del mondo; condanna di fatto ad una libertà immaginaria, ad una esistenza infra-personale, pertanto infra-morale: condanna alla «morte dell'anima». La terza parte, infine, tenta di esplicitare un orizzonte, che nelle prime due resta implicito, mentre ne è forse il cespite di senso. È l'ap-proche chrétien, pensare sostando in prossimità al Mistero cristiano, accogliendo le suggestioni che da esso provengono, come da immensa riserva di senso.

BELLINGRERI, A. (2011). PEDAGOGIA DELL'ATTENZIONE. BRESCIA : LA SCUOLA.

PEDAGOGIA DELL'ATTENZIONE

BELLINGRERI, Antonio
2011-01-01

Abstract

Il libro è proposto come introduzione filosofica e pedagogica alla vita interiore, piccolo manuale di idee ad uso degli educatori. È strutturato in testi brevi, che fanno ventisei capitoli, ordinati in tre parti. Nella prima, quella filosofica in senso proprio, sono giustificate le verità che essere-amato è l'ontologia della persona e che l'essere dello spirito è relazionalità in senso eminente: è essenza stessa della vita interiore il dialogo ininterrotto con quanto di prezioso è custodito nel cuore, i suoi amori e l'ordine secondo il quale si dispongono. La seconda parte, quella pedagogica in senso adeguato, intende l'educazione come una qualità speciale, la cui conquista dota la persona dell'interiorità oggettiva. Il volume propone di denotarla col termine attenzione, virtù etica e dianoetica generata dalla scelta di far vivere la parte più intima di noi stessi, intesi a salvare l'«anima dell'anima» - a far vivere lo spirito. Oggi sembra prevalente una disposizione antitetica, la distrazione, coscienza che s'accontenta di sostare sulla superficie del mondo; condanna di fatto ad una libertà immaginaria, ad una esistenza infra-personale, pertanto infra-morale: condanna alla «morte dell'anima». La terza parte, infine, tenta di esplicitare un orizzonte, che nelle prime due resta implicito, mentre ne è forse il cespite di senso. È l'ap-proche chrétien, pensare sostando in prossimità al Mistero cristiano, accogliendo le suggestioni che da esso provengono, come da immensa riserva di senso.
Settore M-PED/01 - Pedagogia Generale E Sociale
978-88-350-2823-9
BELLINGRERI, A. (2011). PEDAGOGIA DELL'ATTENZIONE. BRESCIA : LA SCUOLA.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ANTONIO BELLINGRERI, Pedagogia dell'attenzione, La Scuola Editrice 2011.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: L'intera opera in formato pdf
Dimensione 845.27 kB
Formato Adobe PDF
845.27 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/74566
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact