Adolescence can be regarded as a period of transition characterized by developmental tasks and intrapsychic such as interpersonal modifications. These changes are influenced by historical and socio-cultural variables. These several identity changes may represent specific risk and vulnerability factors during adolescence. Adolescents could use a lot of chemical and behavioral regulators (Di Blasi M., 2003) in order to manage development processes, such as alcohol consumption. Our results suggest a relationship between alcohol use, alcohol effect expectancies and social identity. This finding is in line with literature that highlight that expectancies and believes influence drinking behaviors among adolescents.

In letteratura (Maggiolini A.,et al.,2004) è presente un accordo nel considerare la fase dell’adolescenza come un momento di transizione caratterizzato da profondi cambiamenti interni e nel rapporto con lo spazio sociale. I compiti evolutivi, che caratterizzano questa fase, sono fortemente influenzati dal periodo storico e socio-culturale in cui l’adolescente si trova a vivere. Nel contesto odierno, il processo di risimbolizzazione del Sé e di soggettivazione della propria identità pone gli adolescenti di fronte ad una complessità e molteplicità di prospettive che se da un lato offrono la possibilità di avere di fronte originali e molteplici strade di costruzione del proprio sé, dall’altro mettono a rischio di una maggiore vulnerabilità. Nello specifico, per poter gestire determinati processi che caratterizzano alcuni compiti evolutivi, gli adolescenti possono andare alla ricerca di regolatori esistenziali chimici o comportamentali (Di Blasi M., 2003) che divengono sostentamento visibile e tangibile al proprio percorso individuale e collettivo: tra questi ricordiamo l’uso di alcool. Come confermato dai dati di un’indagine da noi condotta, sembra esistere tra gli adolescenti una relazione fra uso di alcool, aspettative e costruzione dell’identità sociale. L’utilizzo di alcool in adolescenza è spesso considerato segno di ribellione e rivendicazione di indipendenza, tuttavia, “l’ampia diffusione del consumo porta a ritenere che l’utilizzo di alcool sia diventato, un aspetto, fra gli altri, della costruzione dell’identità” (Maggiolini A. et al., 2004), normalmente accettato ed incoraggiato all’interno dei gruppi sociali, indipendentemente dal bisogno di rischio e trasgressività. Il concetto di aspettative e uso di alcol, ampiamente studiato in letteratura, (ViK P.W., et al.,1999) indica che le aspettative e le credenze connesse influenzano i comportamenti relativi al bere. Alla luce del nostro studio sembra che le aspettative connesse al consumo di alcol svolgano una funzione sintonica ai compiti di sviluppo rispetto alla costruzione dell’identità e dei ruoli sociali.

Cavani, P., Pavia, L., Di Blasi, M. (2011). L'utilizzo di alcool in adolescenza tra aspettative e compiti evolutivi. In Abstracts (pp.487-487).

L'utilizzo di alcool in adolescenza tra aspettative e compiti evolutivi

CAVANI, Paola;PAVIA, Laura;DI BLASI, Maria
2011-01-01

Abstract

In letteratura (Maggiolini A.,et al.,2004) è presente un accordo nel considerare la fase dell’adolescenza come un momento di transizione caratterizzato da profondi cambiamenti interni e nel rapporto con lo spazio sociale. I compiti evolutivi, che caratterizzano questa fase, sono fortemente influenzati dal periodo storico e socio-culturale in cui l’adolescente si trova a vivere. Nel contesto odierno, il processo di risimbolizzazione del Sé e di soggettivazione della propria identità pone gli adolescenti di fronte ad una complessità e molteplicità di prospettive che se da un lato offrono la possibilità di avere di fronte originali e molteplici strade di costruzione del proprio sé, dall’altro mettono a rischio di una maggiore vulnerabilità. Nello specifico, per poter gestire determinati processi che caratterizzano alcuni compiti evolutivi, gli adolescenti possono andare alla ricerca di regolatori esistenziali chimici o comportamentali (Di Blasi M., 2003) che divengono sostentamento visibile e tangibile al proprio percorso individuale e collettivo: tra questi ricordiamo l’uso di alcool. Come confermato dai dati di un’indagine da noi condotta, sembra esistere tra gli adolescenti una relazione fra uso di alcool, aspettative e costruzione dell’identità sociale. L’utilizzo di alcool in adolescenza è spesso considerato segno di ribellione e rivendicazione di indipendenza, tuttavia, “l’ampia diffusione del consumo porta a ritenere che l’utilizzo di alcool sia diventato, un aspetto, fra gli altri, della costruzione dell’identità” (Maggiolini A. et al., 2004), normalmente accettato ed incoraggiato all’interno dei gruppi sociali, indipendentemente dal bisogno di rischio e trasgressività. Il concetto di aspettative e uso di alcol, ampiamente studiato in letteratura, (ViK P.W., et al.,1999) indica che le aspettative e le credenze connesse influenzano i comportamenti relativi al bere. Alla luce del nostro studio sembra che le aspettative connesse al consumo di alcol svolgano una funzione sintonica ai compiti di sviluppo rispetto alla costruzione dell’identità e dei ruoli sociali.
7-mag-2011
Nouvelles normalitès Nouvelles psthologies Nouvelles pratique
Bologna
5-7 maggio 2011
VI
1
Cavani, P., Pavia, L., Di Blasi, M. (2011). L'utilizzo di alcool in adolescenza tra aspettative e compiti evolutivi. In Abstracts (pp.487-487).
Proceedings (atti dei congressi)
Cavani, P; Pavia, L; Di Blasi, M
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/71693
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact