Alcuni dotti di Bologna, attivi presso la corte bentivolesca, indagarono le fasi più remote della loro città, con forzature fantasiose ma anche con un’attenzione per i resti materiali di epoca romana. Il vivo interesse per le origini della propria città e per le testimonianze antiche della sua storia (fra le quali assumevano un’importanza crescente i documenti epigrafici) era condiviso da molti altri intellettuali in Germania e nei Paesi Bassi, molti dei quali almeno in parte si erano formati presso lo Studio bolognese. Se è difficile stabilire quale sia stato lo specifico apporto bolognese nella maturazione dell’interesse per l’antico di questi personaggi, a Bologna può in ogni caso essere riconosciuto un fondamentale ruolo di crocevia nella circolazione degli interessi antiquari che attraversarono l’Europa rinascimentale.

De Maria, S., Rambaldi, S. (2010). Vetera rerum exempla. La cultura antiquaria fra Bologna e l’Europa nei secoli XV-XVII. In Crocevia e capitale della migrazione artistica: forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo (secc. XV-XVI) (Atti del Convegno Internazionale, Bologna, 11-13 maggio 2009) (pp.203-230). Bologna : Bononia University Press.

Vetera rerum exempla. La cultura antiquaria fra Bologna e l’Europa nei secoli XV-XVII

RAMBALDI, Simone
2010-01-01

Abstract

Alcuni dotti di Bologna, attivi presso la corte bentivolesca, indagarono le fasi più remote della loro città, con forzature fantasiose ma anche con un’attenzione per i resti materiali di epoca romana. Il vivo interesse per le origini della propria città e per le testimonianze antiche della sua storia (fra le quali assumevano un’importanza crescente i documenti epigrafici) era condiviso da molti altri intellettuali in Germania e nei Paesi Bassi, molti dei quali almeno in parte si erano formati presso lo Studio bolognese. Se è difficile stabilire quale sia stato lo specifico apporto bolognese nella maturazione dell’interesse per l’antico di questi personaggi, a Bologna può in ogni caso essere riconosciuto un fondamentale ruolo di crocevia nella circolazione degli interessi antiquari che attraversarono l’Europa rinascimentale.
Settore L-ANT/07 - Archeologia Classica
12-mag-2009
Crocevia e capitale della migrazione artistica: forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo (XV-XVI secolo)
Bologna
11-13/05/2009
28
De Maria, S., Rambaldi, S. (2010). Vetera rerum exempla. La cultura antiquaria fra Bologna e l’Europa nei secoli XV-XVII. In Crocevia e capitale della migrazione artistica: forestieri a Bologna e bolognesi nel mondo (secc. XV-XVI) (Atti del Convegno Internazionale, Bologna, 11-13 maggio 2009) (pp.203-230). Bologna : Bononia University Press.
Proceedings (atti dei congressi)
De Maria, S; Rambaldi, S
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
34 Bologna (ridotto).pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo su volume di Atti
Dimensione 434.76 kB
Formato Adobe PDF
434.76 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/71338
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact