Archivio, Rete e il cinema organico