"Video Arte: Storia Fruizione Musealizzazione" si propone come inquadramento delle maggiori elaborazioni teoriche che accompagnano la nascita della video arte prestando particolare attenzione alle tematiche della fruizione e della musealizzazione delle opere video. Il saggio traccia l’evoluzione del fenomeno a partire dalla sua comparsa rivoluzionaria passando alle molteplici contaminazioni con altri generi fino a giungere all’attuale status di uno dei più significativi settori della ricerca artistica a livello internazionale. Il saggio prende in esame le ricerche di grandi artisti del calibro di Bill Viola, Nam June Paik, Matthew Barney, Pipilotti Rist, Fabrizio Plessi, Studio Azzurro; ripercorre l’attività di pionieri come Gerry Schum, Maurizio Calvesi, Renato Barilli, Maria Gloria Bicocchi, Lola Bonora, Luciano Giaccari e Paolo Cardazzo capaci di contribuire alla conoscenza e alla diffusione di opere video oggi entrate a pieno titolo nella storia dell’arte come capolavori, e presenta una mappatura delle maggiori istituzioni quali il MOMA di New York, il Centre Pompidou di Parigi, il Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlsruhe, l’Ars Electronica di Linz, il MAXXI di Roma attive nel settore della video arte. Musei ma non solo, oggi sempre più opere video trovano spazio in contesti urbani e luoghi sacri. Oggetto del volume è la ricognizione storica dei principali eventi espositivi dedicati all’arte elettronica e l’evoluzione della video arte in relazione al rapporto non sempre facile con le istituzioni culturali nonché l’individuazione delle modalità di approccio da parte di gallerie, musei, fondazioni, archivi e centri sperimentali a un fenomeno emergente negli anni ’60 e oggi presente ai maggiori eventi artistici del mondo.

Costanzo, C. (2012). Video Arte: Storia Fruizione Musealizzazione. Palermo : Contesti.

Video Arte: Storia Fruizione Musealizzazione

COSTANZO, Cristina
2012-01-01

Abstract

"Video Arte: Storia Fruizione Musealizzazione" si propone come inquadramento delle maggiori elaborazioni teoriche che accompagnano la nascita della video arte prestando particolare attenzione alle tematiche della fruizione e della musealizzazione delle opere video. Il saggio traccia l’evoluzione del fenomeno a partire dalla sua comparsa rivoluzionaria passando alle molteplici contaminazioni con altri generi fino a giungere all’attuale status di uno dei più significativi settori della ricerca artistica a livello internazionale. Il saggio prende in esame le ricerche di grandi artisti del calibro di Bill Viola, Nam June Paik, Matthew Barney, Pipilotti Rist, Fabrizio Plessi, Studio Azzurro; ripercorre l’attività di pionieri come Gerry Schum, Maurizio Calvesi, Renato Barilli, Maria Gloria Bicocchi, Lola Bonora, Luciano Giaccari e Paolo Cardazzo capaci di contribuire alla conoscenza e alla diffusione di opere video oggi entrate a pieno titolo nella storia dell’arte come capolavori, e presenta una mappatura delle maggiori istituzioni quali il MOMA di New York, il Centre Pompidou di Parigi, il Zentrum für Kunst und Medientechnologie di Karlsruhe, l’Ars Electronica di Linz, il MAXXI di Roma attive nel settore della video arte. Musei ma non solo, oggi sempre più opere video trovano spazio in contesti urbani e luoghi sacri. Oggetto del volume è la ricognizione storica dei principali eventi espositivi dedicati all’arte elettronica e l’evoluzione della video arte in relazione al rapporto non sempre facile con le istituzioni culturali nonché l’individuazione delle modalità di approccio da parte di gallerie, musei, fondazioni, archivi e centri sperimentali a un fenomeno emergente negli anni ’60 e oggi presente ai maggiori eventi artistici del mondo.
Settore L-ART/04 - Museologia E Critica Artistica E Del Restauro
978-88-90752-20-9
Costanzo, C. (2012). Video Arte: Storia Fruizione Musealizzazione. Palermo : Contesti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/68652
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact