"Rubè”: il romanzo come confessione nazionale e individuale