Amid the pervasive process of urbanization of the world and human societies, compounded by the challenges posed by climate change and the current environmental crisis, cities are at the centre of national and international policy interests. On one hand, they exhibit multiple forms of fragility (economic, social, environmental), while on the other hand, they serve as hubs for people, services (including ecosystem services), and ways of life.In Italy, within an evolution of green planning from the concept of standards to the urban forests, urban planning has addressed issues related to the liveability of settlements, environmental and spatial justice, and the impact of cities on the surrounding territory and ecosystems. Within this context, numerous abandoned, underutilized areas commonly defined as “voids” that emerged during the rapid growth of the twentieth century have gained renewed significance and role. The research, positioned within a transdisciplinary field of studies, aims to understand the new socio-ecological values that these voids embody, rather than viewing them as mere urban supports devoid of prior temporality, aimed at functional and extractive reuse.The focus is thus on areas where conditions of abandonment have led, over recent decades, to the development of novel ecosystems/novel landscapes/hybrid landscapes within the urban condition. Despite being in a state of functional abandonment, these hybrid landscapes meet numerous needs and desires of the communities living nearby, who have recognized, in the most mature conditions, unprecedented values through informal projects on multiple scales and place care. In these contexts, drawing inspiration from urban ecology studies, the research identified a gap within urban planning in recognizing the values embedded in hybrid landscapes. Specifically, the concept of fourth nature, advanced in the 1990s, becomes fertile for understanding hybrid dimensions where formal/informal, natural/artificial, wild/planned dichotomies blur.To understand places where there are no codified systems of relation and behaviour, the study involved numerous walking through urban fourth natures, seeking to discern their meaning within the specific social context and the human and non-human projects present. Through the observation of two ongoing experiments in Italy (the forest of Prati di Caprara in Bologna and the ex-SNIA Viscosa lake in Rome), some possibilities for urban recognition were hypothesized, inviting an alternative codification compared to traditional forms of urban green, and assessing the opportunity to recognize fourth nature within the framework of a potential revision of traditional criteria for cataloguing and managing urban green spaces.

All’interno del pervasivo processo di urbanizzazione del mondo e delle società umane, a cui si aggiungono le criticità determinate dal cambiamento climatico e dalla crisi ambientale attuale, le città si trovano al centro degli interessi di politiche nazionali ed internazionali in quanto, da un lato, presentano molteplici forme di fragilità (economiche, sociali, ambientali), mentre, dall’altro, sono catalizzatrici di persone, servizi (tra cui quelli ecosistemici) e modi di vita. In Italia, in un’evoluzione della pianificazione del verde che va dallo standard alla foresta urbana, la disciplina urbanistica ha affrontato questioni legate alla vivibilità degli insediamenti, alla giustizia ambientale e spaziale, all’impatto delle città sul territorio e sugli ecosistemi circostanti. All’interno di questo panorama, acquisiscono un rinnovato significato e ruolo le numerose aree abbandonate, sottoutilizzate e comunemente definite come “vuote” che si sono formate durante il celere processo di crescita novecentesca. La ricerca, inserendosi all’interno di un filone di studi transdisciplinare, intende comprendere i nuovi valori socio-ecologici che i vuoti incarnano, senza considerarli come mero supporto urbano privo di temporalità pregresse, volto ad un riuso funzionale ed estrattivo.Lo sguardo è, così, rivolto alle aree in cui le condizioni di abbandono hanno portato allo sviluppo, negli ultimi decenni, di novel ecosystem/novel landscape/paesaggi ibridi all’interno della condizione urbana. Nonostante questi paesaggi ibridi si trovino in uno stato di abbandono funzionale, essi rispondono a numerosi bisogni e desideri delle comunità che abitano le aree limitrofe, le quali hanno saputo intercettarne, nelle condizioni più mature, valori inediti attraverso progettualità informali a più scale e cura dei luoghi. In tali contesti, traendo spunto dagli studi di ecologia urbana, la ricerca ha identificato un gap interno alla disciplina urbanistica nel riconoscimento dei valori incorporati nei paesaggi ibridi. In particolare, il concetto di quarta natura, avanzato negli anni Novanta, diventa fruttifero per comprendere dimensioni ibride in cui le dicotomie formale/informale, naturale/artificiale, selvatico/pianificato sfumano. Per comprendere luoghi nei quali non sono presenti sistemi codificati di relazione e comportamento, lo studio si è svolto per mezzo di numerosi attraversamenti a piedi nelle quarte nature urbane, ricercandone il significato nel contesto sociale specifico e nelle progettualità umane e non umane presenti. Attraverso l’osservazione di due sperimentazioni in atto in Italia (il bosco dei Prati di Caprara a Bologna e il lago ex SNIA Viscosa a Roma), si sono ipotizzate alcune possibilità di riconoscimento urbanistico, invitando ad una codificazione alternativa rispetto alle forme di verde urbano tradizionali, e valutando l’opportunità di riconoscimento della quarta natura nel quadro di una possibile revisione dei tradizionali criteri di catalogazione e gestione del verde urbano.

(2024). L’introduzione della quarta natura nella pianificazione urbana. Indagine sul riconoscimento dei recuperi socio-ecologici in aree urbane dismesse.

L’introduzione della quarta natura nella pianificazione urbana. Indagine sul riconoscimento dei recuperi socio-ecologici in aree urbane dismesse

LISI, Gloria
2024-07-05

Abstract

Amid the pervasive process of urbanization of the world and human societies, compounded by the challenges posed by climate change and the current environmental crisis, cities are at the centre of national and international policy interests. On one hand, they exhibit multiple forms of fragility (economic, social, environmental), while on the other hand, they serve as hubs for people, services (including ecosystem services), and ways of life.In Italy, within an evolution of green planning from the concept of standards to the urban forests, urban planning has addressed issues related to the liveability of settlements, environmental and spatial justice, and the impact of cities on the surrounding territory and ecosystems. Within this context, numerous abandoned, underutilized areas commonly defined as “voids” that emerged during the rapid growth of the twentieth century have gained renewed significance and role. The research, positioned within a transdisciplinary field of studies, aims to understand the new socio-ecological values that these voids embody, rather than viewing them as mere urban supports devoid of prior temporality, aimed at functional and extractive reuse.The focus is thus on areas where conditions of abandonment have led, over recent decades, to the development of novel ecosystems/novel landscapes/hybrid landscapes within the urban condition. Despite being in a state of functional abandonment, these hybrid landscapes meet numerous needs and desires of the communities living nearby, who have recognized, in the most mature conditions, unprecedented values through informal projects on multiple scales and place care. In these contexts, drawing inspiration from urban ecology studies, the research identified a gap within urban planning in recognizing the values embedded in hybrid landscapes. Specifically, the concept of fourth nature, advanced in the 1990s, becomes fertile for understanding hybrid dimensions where formal/informal, natural/artificial, wild/planned dichotomies blur.To understand places where there are no codified systems of relation and behaviour, the study involved numerous walking through urban fourth natures, seeking to discern their meaning within the specific social context and the human and non-human projects present. Through the observation of two ongoing experiments in Italy (the forest of Prati di Caprara in Bologna and the ex-SNIA Viscosa lake in Rome), some possibilities for urban recognition were hypothesized, inviting an alternative codification compared to traditional forms of urban green, and assessing the opportunity to recognize fourth nature within the framework of a potential revision of traditional criteria for cataloguing and managing urban green spaces.
L’introduzione della quarta natura nella pianificazione urbana
5-lug-2024
All’interno del pervasivo processo di urbanizzazione del mondo e delle società umane, a cui si aggiungono le criticità determinate dal cambiamento climatico e dalla crisi ambientale attuale, le città si trovano al centro degli interessi di politiche nazionali ed internazionali in quanto, da un lato, presentano molteplici forme di fragilità (economiche, sociali, ambientali), mentre, dall’altro, sono catalizzatrici di persone, servizi (tra cui quelli ecosistemici) e modi di vita. In Italia, in un’evoluzione della pianificazione del verde che va dallo standard alla foresta urbana, la disciplina urbanistica ha affrontato questioni legate alla vivibilità degli insediamenti, alla giustizia ambientale e spaziale, all’impatto delle città sul territorio e sugli ecosistemi circostanti. All’interno di questo panorama, acquisiscono un rinnovato significato e ruolo le numerose aree abbandonate, sottoutilizzate e comunemente definite come “vuote” che si sono formate durante il celere processo di crescita novecentesca. La ricerca, inserendosi all’interno di un filone di studi transdisciplinare, intende comprendere i nuovi valori socio-ecologici che i vuoti incarnano, senza considerarli come mero supporto urbano privo di temporalità pregresse, volto ad un riuso funzionale ed estrattivo.Lo sguardo è, così, rivolto alle aree in cui le condizioni di abbandono hanno portato allo sviluppo, negli ultimi decenni, di novel ecosystem/novel landscape/paesaggi ibridi all’interno della condizione urbana. Nonostante questi paesaggi ibridi si trovino in uno stato di abbandono funzionale, essi rispondono a numerosi bisogni e desideri delle comunità che abitano le aree limitrofe, le quali hanno saputo intercettarne, nelle condizioni più mature, valori inediti attraverso progettualità informali a più scale e cura dei luoghi. In tali contesti, traendo spunto dagli studi di ecologia urbana, la ricerca ha identificato un gap interno alla disciplina urbanistica nel riconoscimento dei valori incorporati nei paesaggi ibridi. In particolare, il concetto di quarta natura, avanzato negli anni Novanta, diventa fruttifero per comprendere dimensioni ibride in cui le dicotomie formale/informale, naturale/artificiale, selvatico/pianificato sfumano. Per comprendere luoghi nei quali non sono presenti sistemi codificati di relazione e comportamento, lo studio si è svolto per mezzo di numerosi attraversamenti a piedi nelle quarte nature urbane, ricercandone il significato nel contesto sociale specifico e nelle progettualità umane e non umane presenti. Attraverso l’osservazione di due sperimentazioni in atto in Italia (il bosco dei Prati di Caprara a Bologna e il lago ex SNIA Viscosa a Roma), si sono ipotizzate alcune possibilità di riconoscimento urbanistico, invitando ad una codificazione alternativa rispetto alle forme di verde urbano tradizionali, e valutando l’opportunità di riconoscimento della quarta natura nel quadro di una possibile revisione dei tradizionali criteri di catalogazione e gestione del verde urbano.
urban planning; urbanism; urban ecosystem; urban forest; fourth nature; green and blu infrastructure; ecological corridors; urban woodlands; urban voids; brownfield; post- industrial landscapes; hybrid landscape; socio-ecological recovery; socio-ecological regeneration; walking; more than human agencies; recognition; rewilding; urban wilderness; socio-ecological values;
pianificazione urbana; urbanistica; ecosistema urbano; foresta urbana; quarta natura; infrastruttura verde e blu; corridoi ecologici; boschi urbani; vuoti urbani; aree dismesse; paesaggi post- industriali; paesaggi ibridi; recupero socio-ecologico; rigenerazione socio-ecologica; cammino; agencies più che umane; riconoscimento; inselvatichimento wilderness urbana; valori socio-ecologici
(2024). L’introduzione della quarta natura nella pianificazione urbana. Indagine sul riconoscimento dei recuperi socio-ecologici in aree urbane dismesse.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
LISI_TESI-FINALE-per-IRIS_compressed.pdf

embargo fino al 30/05/2025

Descrizione: Tesi di dottorato
Tipologia: Tesi di dottorato
Dimensione 10.22 MB
Formato Adobe PDF
10.22 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/638627
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact