Da sempre molta architettura avviene attraverso la creazione occasionale, non permanente. Grazie alla condizione cronologica in cui vivono gli allestimenti, alterata dalla rapidità di creazione/fruizione, l'effimero si pone come categoria estetica che permette di decifrare il nesso tra arte e architettura.

Cattiodoro, S. (2012). Il fondamento effimero dell'architettura. Roma : Aracne.

Il fondamento effimero dell'architettura

Cattiodoro, Silvia
2012-07-01

Abstract

Da sempre molta architettura avviene attraverso la creazione occasionale, non permanente. Grazie alla condizione cronologica in cui vivono gli allestimenti, alterata dalla rapidità di creazione/fruizione, l'effimero si pone come categoria estetica che permette di decifrare il nesso tra arte e architettura.
lug-2012
Settore ICAR/16 - Architettura Degli Interni E Allestimento
978-88-548-4957-0
Cattiodoro, S. (2012). Il fondamento effimero dell'architettura. Roma : Aracne.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
il_fondamento_effimero_dell_architettura.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 3.6 MB
Formato Adobe PDF
3.6 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/637697
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact