Le Lamie, le Empuse, e altre figure meno note come Ephialtes, Mormò, Gello appartengono a quello spazio rappresentativo centrato sulla maschera, veicolo di una potenza radicalmente altra che rimanda a se stessa: non sono precisamente né mito né fiaba, tuttavia esprimono una potente energia normativa rivolta a integrare nell'ordine sociale costituito. Nella loro qualità di horridae mulieres sono figure dell'instabilità e dei rischi occultati in ogni norma condivisa, figure della quotidianità esposta all'incertezza, al cedimento indotto dalla seduzione, ad un interminabile apprendimento di norme sempre in equilibrio tra memoria del passato e cambiamenti legati al futuro. Alimentando uno spazio di condivisione e dialogo, anche se perturbante e repressivo, tra bambini e adulti, consentivano ad ogni fascia d'età e in ogni fase della vita una forma importante di "conversazione sociale", una relazione aggregativa orientata all'incorporazione e alla coesione. L'universo antimorfico delle Lamie, delle Empuse e di altre figure della prescrittività e della censura tenda paradossalmente a produrre forma attraverso un procedimento di perimetrazione simbolica: narratori e pubblico nel mondo greco si confrontavano con la dimensione dell'abisso ascoltando racconti che possiamo definire di soglia.

cusumano, N. (2008). Ad infantes terrendos. Sortilegi e disordine metamorfico nell'immaginario mitico greco sull'infanzia. In Miti Mediterranei. Atti del Convegno internazionale, Acta diurna, 3 (pp.47-65). Palermo : Fondazione lgnazio Buttitta.

Ad infantes terrendos. Sortilegi e disordine metamorfico nell'immaginario mitico greco sull'infanzia

CUSUMANO, Nicola
2008-01-01

Abstract

Le Lamie, le Empuse, e altre figure meno note come Ephialtes, Mormò, Gello appartengono a quello spazio rappresentativo centrato sulla maschera, veicolo di una potenza radicalmente altra che rimanda a se stessa: non sono precisamente né mito né fiaba, tuttavia esprimono una potente energia normativa rivolta a integrare nell'ordine sociale costituito. Nella loro qualità di horridae mulieres sono figure dell'instabilità e dei rischi occultati in ogni norma condivisa, figure della quotidianità esposta all'incertezza, al cedimento indotto dalla seduzione, ad un interminabile apprendimento di norme sempre in equilibrio tra memoria del passato e cambiamenti legati al futuro. Alimentando uno spazio di condivisione e dialogo, anche se perturbante e repressivo, tra bambini e adulti, consentivano ad ogni fascia d'età e in ogni fase della vita una forma importante di "conversazione sociale", una relazione aggregativa orientata all'incorporazione e alla coesione. L'universo antimorfico delle Lamie, delle Empuse e di altre figure della prescrittività e della censura tenda paradossalmente a produrre forma attraverso un procedimento di perimetrazione simbolica: narratori e pubblico nel mondo greco si confrontavano con la dimensione dell'abisso ascoltando racconti che possiamo definire di soglia.
Settore L-ANT/02 - Storia Greca
dic-2008
Miti Mediterranei
Palermo-Terrasini
4-6 ottobre 2OO7
1
19
cusumano, N. (2008). Ad infantes terrendos. Sortilegi e disordine metamorfico nell'immaginario mitico greco sull'infanzia. In Miti Mediterranei. Atti del Convegno internazionale, Acta diurna, 3 (pp.47-65). Palermo : Fondazione lgnazio Buttitta.
Proceedings (atti dei congressi)
cusumano, N
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
N. Cusumano, Ad infantes terrendos. Sortilegi e disordine metamorfico nell'immaginario mitico greco sull'infanzia.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: testo del contributo
Dimensione 1.93 MB
Formato Adobe PDF
1.93 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/63543
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact