Lo studio indaga la figura di Giuseppe Velasco, eminente esponente del Neoclassicismo pittorico dell'Italia meridionale. Dopo aver esaminato la formazione dell’artista palermitano, si è posta l’attenzione sui contributi più importanti ed originali relativamente all’Orto botanico, alla Palazzina Cinese, a Palazzo dei Normanni senza, naturalmente, trascurare i suoi interventi richiestigli dalla committenza ecclesiastica e civile. Intorno all’Orto botanico, ci si è soffermati sui monocromati a tempera di chiara ispirazione mitologica con particolare riferimento alla figura di Esculapio e della Dea Flora. Tali pitture, afferenti alla sua attività artistica matura, risultano preziose e raffinate. Nel caso della Palazzina Cinese, esempio originale ed, assolutamente, innovativo a Palermo di architettura ed arte afferenti al gusto per le cineserie, si sono analizzati il ruolo della committenza massonica dei Borbone, la decorazione pittorica eseguita da Velasco e la presenza di simboli esoterici come l’ouroboros. In riferimento a Palazzo dei Normanni, si è esaminata la Sala d’Ercole, le cui pitture sono del maestro. Esse sono interessanti esempi di monocromati a tempera, nei quali il linguaggio pittorico imita quello scultoreo all’interno di un programma iconografico incentrato sulla figura mitologica di Ercole.

La Monica, M. (2012). Giuseppe Velasco. Palermo : Pitti.

Giuseppe Velasco

LA MONICA, Marcella
2012

Abstract

Lo studio indaga la figura di Giuseppe Velasco, eminente esponente del Neoclassicismo pittorico dell'Italia meridionale. Dopo aver esaminato la formazione dell’artista palermitano, si è posta l’attenzione sui contributi più importanti ed originali relativamente all’Orto botanico, alla Palazzina Cinese, a Palazzo dei Normanni senza, naturalmente, trascurare i suoi interventi richiestigli dalla committenza ecclesiastica e civile. Intorno all’Orto botanico, ci si è soffermati sui monocromati a tempera di chiara ispirazione mitologica con particolare riferimento alla figura di Esculapio e della Dea Flora. Tali pitture, afferenti alla sua attività artistica matura, risultano preziose e raffinate. Nel caso della Palazzina Cinese, esempio originale ed, assolutamente, innovativo a Palermo di architettura ed arte afferenti al gusto per le cineserie, si sono analizzati il ruolo della committenza massonica dei Borbone, la decorazione pittorica eseguita da Velasco e la presenza di simboli esoterici come l’ouroboros. In riferimento a Palazzo dei Normanni, si è esaminata la Sala d’Ercole, le cui pitture sono del maestro. Esse sono interessanti esempi di monocromati a tempera, nei quali il linguaggio pittorico imita quello scultoreo all’interno di un programma iconografico incentrato sulla figura mitologica di Ercole.
Settore L-ART/02 - Storia Dell'Arte Moderna
978-88-9656915-3
La Monica, M. (2012). Giuseppe Velasco. Palermo : Pitti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Velasco.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 5.9 MB
Formato Adobe PDF
5.9 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/63271
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact