Dov’è finito il good design del secolo scorso? Cosa ne è stato del Bauhaus, degli Eames, dei Saarinen, della Scuola di Ulm, del design italiano degli anni d’oro (Cinquanta-Settanta), quello dei maestri? Nel terzo millennio, il design – se non altro quel che furoreggia alle mostre o sulle pagine patinate delle riviste – non sembra dare un sostanziale contributo alla qualità della vita quotidiana, non punta sull’innovazione. Il design, oggi, ha perso vocazione sociale. Non affronta i problemi cruciali del nostro tempo, come la razionalizzazione delle risorse o lo smaltimento dei rifiuti. Non offre soluzioni né strategie. Incorpora “simboli immaginari”, linguaggi, che magnificano merci rendendole irresistibili. Ciò che conta, soprattutto, è far parlare di sé, nel bene o nel male, e vendere. Il prodotto è uno schermo su cui proiettare storie; anzi, è diventato ancor meno di quel che Andrea Branzi ha definito “design pulviscolare”: gadget, gingillo, obsolescenza programmata.

Russo, D. (2021). Vanità e socialità nel design : icone e paradossi. Mimesis.

Vanità e socialità nel design : icone e paradossi

Russo, Dario
2021-01-01

Abstract

Dov’è finito il good design del secolo scorso? Cosa ne è stato del Bauhaus, degli Eames, dei Saarinen, della Scuola di Ulm, del design italiano degli anni d’oro (Cinquanta-Settanta), quello dei maestri? Nel terzo millennio, il design – se non altro quel che furoreggia alle mostre o sulle pagine patinate delle riviste – non sembra dare un sostanziale contributo alla qualità della vita quotidiana, non punta sull’innovazione. Il design, oggi, ha perso vocazione sociale. Non affronta i problemi cruciali del nostro tempo, come la razionalizzazione delle risorse o lo smaltimento dei rifiuti. Non offre soluzioni né strategie. Incorpora “simboli immaginari”, linguaggi, che magnificano merci rendendole irresistibili. Ciò che conta, soprattutto, è far parlare di sé, nel bene o nel male, e vendere. Il prodotto è uno schermo su cui proiettare storie; anzi, è diventato ancor meno di quel che Andrea Branzi ha definito “design pulviscolare”: gadget, gingillo, obsolescenza programmata.
2021
Settore ICAR/13 - Disegno Industriale
9788857572727
Russo, D. (2021). Vanità e socialità nel design : icone e paradossi. Mimesis.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Russo, Vanità e socialità_compressed.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Volume integrale ad esclusivo uso interno
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 834.92 kB
Formato Adobe PDF
834.92 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/591293
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact