Il ponte o il guado: quale metafora per una sanità transculturale?