Il critico-trascendentale tra logica e metafisica