Gregorio di Nazianzo: la poesia come tetrafarmaco