Malo esse quam videri. La fonte documentaria dei processi di nobiltà degli Ordini militari (o religioso-cavallereschi), e dell’Ordine di Malta in particolare, ha dimostrato la sua utilizzabilità come “specchio” nel quale seguire le evoluzioni di una società – in particolare quella siciliana lungo i secoli dell’età moderna – in continuo mutamento e, perciò, teatro di frequenti conflitti tra famiglie in cerca di affermazione politico-economica. Come tutte le rappresentazioni di una società, quella risultante dai processi di nobiltà è naturalmente un’immagine indiretta, riflessa dalla particolarità della fonte utilizzata. L’analisi attenta dei singoli dossier dei processi di nobiltà svela spesso una realtà governata da logiche parentali e clientelari: dispense, raccomandazioni, complicità, ma anche scontri tra famiglie e patriziati concorrenti o tra le stesse sedi istituzionali dell’Ordine preposte al giudizio delle prove di nobiltà, all’interno delle quali, per di più, non sempre si raggiungeva l’unanimità dei consensi. Il risultato dei processi – promozione o bocciatura – non sempre era quindi il riflesso della vera condizione del candidato: sembrare contava più di essere!

D'Avenia, F. (2009). Nobiltà allo specchio. Ordine di Malta e mobilità sociale nella Sicilia moderna. PALERMO : Associazione Mediterranea.

Nobiltà allo specchio. Ordine di Malta e mobilità sociale nella Sicilia moderna

D'AVENIA, Fabrizio
2009

Abstract

Malo esse quam videri. La fonte documentaria dei processi di nobiltà degli Ordini militari (o religioso-cavallereschi), e dell’Ordine di Malta in particolare, ha dimostrato la sua utilizzabilità come “specchio” nel quale seguire le evoluzioni di una società – in particolare quella siciliana lungo i secoli dell’età moderna – in continuo mutamento e, perciò, teatro di frequenti conflitti tra famiglie in cerca di affermazione politico-economica. Come tutte le rappresentazioni di una società, quella risultante dai processi di nobiltà è naturalmente un’immagine indiretta, riflessa dalla particolarità della fonte utilizzata. L’analisi attenta dei singoli dossier dei processi di nobiltà svela spesso una realtà governata da logiche parentali e clientelari: dispense, raccomandazioni, complicità, ma anche scontri tra famiglie e patriziati concorrenti o tra le stesse sedi istituzionali dell’Ordine preposte al giudizio delle prove di nobiltà, all’interno delle quali, per di più, non sempre si raggiungeva l’unanimità dei consensi. Il risultato dei processi – promozione o bocciatura – non sempre era quindi il riflesso della vera condizione del candidato: sembrare contava più di essere!
Settore M-STO/02 - Storia Moderna
978-88-902393-8-0
D'Avenia, F. (2009). Nobiltà allo specchio. Ordine di Malta e mobilità sociale nella Sicilia moderna. PALERMO : Associazione Mediterranea.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Nobiltà allo specchio.pdf

accesso aperto

Dimensione 1.66 MB
Formato Adobe PDF
1.66 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/48484
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact