Suicides, dramatic events like few others, have always been a challenge for the sociological imagination. If Emile Durkheim had demonstrated the explanatory skills of sociology, constructionist sociologies - and, in particular, symbolic interactionism, ethnomethodology, phenomenology - have operated the showdown with positivist approaches. The essays that we present here offer a summa of great interest of the original ways in which constructionist sociologies have re-imagined the study of suicides by going beyond the rigidity of the "cause and care ”of positivist approaches and enriching ours with nuances understanding of the phenomenon. Faced with a sociological panorama for to whom the study of suicide is still synonymous with Durkheimian analysis e of statistical data, the texts offered in Italian translation illustrate the inventiveness methodological and interpretative of constructionist sociologies and their ability to illuminate new aspects, among all the socially constructed nature suicides and the individual's ability to project meaning beyond death.

I suicidi, eventi drammatici come pochi altri, hanno da sempre costituito una sfida per l’immaginazione sociologica. Se Emile Durkheim aveva dimostrato le capacità esplicative della sociologia, le sociologie costruzioniste – e, in particolare, interazionismo simbolico, etnometodologia, fenomenologia – hanno operato la resa dei conti con gli approcci positivisti. I saggi che qui presentiamo offrono una summa di grande interesse dei modi originali con cui le sociologie costruzioniste hanno re-immaginato lo studio dei suicidi andando oltre la rigidità dello schema “cause e cure” degli approcci positivisti ed arricchendo di sfumature la nostra comprensione del fenomeno. Di fronte a un panorama sociologico per cui lo studio del suicidio è ancora sinonimo di analisi durkheimiana e di dati statistici, i testi offerti in traduzione italiana illustrano l’inventiva metodologica e interpretativa delle sociologie costruzioniste e la loro capacità di illuminare aspetti inediti, tra tutti la natura socialmente costruita dei suicidi e la capacità individuale di proiettare significati oltre la morte.

Rinaldi, C., Caniglia, E. (2020). Suicidi.

Suicidi

Rinaldi, C
;
2020-01-01

Abstract

I suicidi, eventi drammatici come pochi altri, hanno da sempre costituito una sfida per l’immaginazione sociologica. Se Emile Durkheim aveva dimostrato le capacità esplicative della sociologia, le sociologie costruzioniste – e, in particolare, interazionismo simbolico, etnometodologia, fenomenologia – hanno operato la resa dei conti con gli approcci positivisti. I saggi che qui presentiamo offrono una summa di grande interesse dei modi originali con cui le sociologie costruzioniste hanno re-immaginato lo studio dei suicidi andando oltre la rigidità dello schema “cause e cure” degli approcci positivisti ed arricchendo di sfumature la nostra comprensione del fenomeno. Di fronte a un panorama sociologico per cui lo studio del suicidio è ancora sinonimo di analisi durkheimiana e di dati statistici, i testi offerti in traduzione italiana illustrano l’inventiva metodologica e interpretativa delle sociologie costruzioniste e la loro capacità di illuminare aspetti inediti, tra tutti la natura socialmente costruita dei suicidi e la capacità individuale di proiettare significati oltre la morte.
Suicides, dramatic events like few others, have always been a challenge for the sociological imagination. If Emile Durkheim had demonstrated the explanatory skills of sociology, constructionist sociologies - and, in particular, symbolic interactionism, ethnomethodology, phenomenology - have operated the showdown with positivist approaches. The essays that we present here offer a summa of great interest of the original ways in which constructionist sociologies have re-imagined the study of suicides by going beyond the rigidity of the "cause and care ”of positivist approaches and enriching ours with nuances understanding of the phenomenon. Faced with a sociological panorama for to whom the study of suicide is still synonymous with Durkheimian analysis e of statistical data, the texts offered in Italian translation illustrate the inventiveness methodological and interpretative of constructionist sociologies and their ability to illuminate new aspects, among all the socially constructed nature suicides and the individual's ability to project meaning beyond death.
Sucide; ethnomethodology; phenomenology; symbolic interactionism; Atkinson; Sacks; Jacobs; Wilkins; Douglas
Sucidio; etnometodologia; fenomenologia; interazionismo simbolico; Garfinkel; Atkinson; Sacks; Jacobs; Wilkins; Douglas
978-88-31222-65-5
Rinaldi, C., Caniglia, E. (2020). Suicidi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
RINALDI_CANIGLIA_SUICIDI_INTERO.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Volume
Dimensione 7.97 MB
Formato Adobe PDF
7.97 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/438417
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact