Romano e il pensiero libero