Since homo sapiens has began to trample the earth, to nourish itself on it, to know its secrets, to reunite in first nomadic and then sedentary groups, it was certainly the ‘hearth’ the place that absolutely created cohesion among individuals, transforming groups into more or less numerous social communities, but capable of evolving into knowledge, technology and architecture, creating the civilizations that gave birth to human history. The three days of International Meetings of Studies wanted to investigate, through the contributions of scholars belonging to various disciplinary sectors, architects and designers on this particular social space, deepening their identity aspects related to its history, its architecture, its design, to the social relationships that have characterized it. Naturally, those related to food have been topics of debate, with reference to the characteristics that identify this area of aggregation starting from its appearance on the ground up to the most advanced settlement societies with greater attention to the Mediterranean area: from the fire to its transformation into domestic / religious space; from the project for the domestic space to that for mass catering; from literature to art; from the culture of cooking to tasting; from necessity to design; from the static domestic space to the dynamic one between sky earth and sea.

Fin da quando l’homo sapiens ha cominciato a calpestare la terra, a nutrirsi di essa, a conoscerne i segreti, a riunirsi in gruppi prima nomadi e poi sedentari, è stato sicuramente il ‘focolare’ il luogo che in assoluto ha creato la coesione fra gli individui, trasformando i gruppi in comunità sociali più, o meno numerose, ma capaci di evolversi nella conoscenza, nelle tecnologie e nell’architettura, creando le civiltà che hanno dato vita alla storia dell’uomo. Le tre giornate di incontri Internazionali di Studi hanno indagato, attraverso i contributi di studiosi, appartenenti a vari settori disciplinari, di architetti e di designer su questo particolare spazio sociale, approfondendone gli aspetti identitari relativi alla sua storia, alla sua architettura, al design, ai rapporti sociali che lo hanno caratterizzato. Naturalmente sono stati argomenti di dibattito quelli legati al cibo, con riferimento alle caratteristiche, che individuano tale spazio di aggregazione, a partire dalla sua comparsa sulla terra fino ad arrivare alle più evolute società insediative con una maggiore attenzione per l’area del Mediterraneo: dal fuoco alla sua trasformazione in spazio domestico/religioso; dal progetto per lo spazio domestico a quello per la ristorazione di massa, dalla letteratura all’arte; dalla cultura del cucinare alla degustazione; dalla necessità al design; dallo spazio domestico statico a quello dinamico fra cielo, terra e mare.

DE GIOVANNI, G., Cusmano, S. (2020). ARCHI_Cottura : atelier per lo spazio domestico : fra cibo, architettura e design.

ARCHI_Cottura : atelier per lo spazio domestico : fra cibo, architettura e design

DE GIOVANNI, Giuseppe;
2020-01-01

Abstract

Fin da quando l’homo sapiens ha cominciato a calpestare la terra, a nutrirsi di essa, a conoscerne i segreti, a riunirsi in gruppi prima nomadi e poi sedentari, è stato sicuramente il ‘focolare’ il luogo che in assoluto ha creato la coesione fra gli individui, trasformando i gruppi in comunità sociali più, o meno numerose, ma capaci di evolversi nella conoscenza, nelle tecnologie e nell’architettura, creando le civiltà che hanno dato vita alla storia dell’uomo. Le tre giornate di incontri Internazionali di Studi hanno indagato, attraverso i contributi di studiosi, appartenenti a vari settori disciplinari, di architetti e di designer su questo particolare spazio sociale, approfondendone gli aspetti identitari relativi alla sua storia, alla sua architettura, al design, ai rapporti sociali che lo hanno caratterizzato. Naturalmente sono stati argomenti di dibattito quelli legati al cibo, con riferimento alle caratteristiche, che individuano tale spazio di aggregazione, a partire dalla sua comparsa sulla terra fino ad arrivare alle più evolute società insediative con una maggiore attenzione per l’area del Mediterraneo: dal fuoco alla sua trasformazione in spazio domestico/religioso; dal progetto per lo spazio domestico a quello per la ristorazione di massa, dalla letteratura all’arte; dalla cultura del cucinare alla degustazione; dalla necessità al design; dallo spazio domestico statico a quello dinamico fra cielo, terra e mare.
Since homo sapiens has began to trample the earth, to nourish itself on it, to know its secrets, to reunite in first nomadic and then sedentary groups, it was certainly the ‘hearth’ the place that absolutely created cohesion among individuals, transforming groups into more or less numerous social communities, but capable of evolving into knowledge, technology and architecture, creating the civilizations that gave birth to human history. The three days of International Meetings of Studies wanted to investigate, through the contributions of scholars belonging to various disciplinary sectors, architects and designers on this particular social space, deepening their identity aspects related to its history, its architecture, its design, to the social relationships that have characterized it. Naturally, those related to food have been topics of debate, with reference to the characteristics that identify this area of aggregation starting from its appearance on the ground up to the most advanced settlement societies with greater attention to the Mediterranean area: from the fire to its transformation into domestic / religious space; from the project for the domestic space to that for mass catering; from literature to art; from the culture of cooking to tasting; from necessity to design; from the static domestic space to the dynamic one between sky earth and sea.
architettura; tecnologia; design; cibo; cucina
978-88-5509-099-5
978-88-5509-100-8
DE GIOVANNI, G., Cusmano, S. (2020). ARCHI_Cottura : atelier per lo spazio domestico : fra cibo, architettura e design.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Atti Archicottura_online LOW 2.pdf

Solo gestori archvio

Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 9.7 MB
Formato Adobe PDF
9.7 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/409803
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact