"Paura" di Stefan Zweig, ipocrisie con adulterio della buona società