the text proposes an unprecedented presentation of Jewish philosophy, starting from the conviction that to understand the latter it is necessary to dwell on that cultural hinterland, represented essentially by the oral tradition and the founding texts in which it flows, which serves as a background but also from prerequisite to philosophy itself. The author highlights how some elements of Judaism and of the ancient hermeneutics of the biblical text resonate in the texts of Jewish philosophers of various ages and in this way reintroduces threads, often subtle and hidden, between philosophy and the rich and millenary Jewish culture

"Sapienza straniera" (Hokmah Zarah) è il modo in cui la filosofia viene definita nei testi antichi della tradizione ebraica, Mishna e Talmud, ma davvero la filosofia è estranea all'ebraismo? il testo propone un'inedita presentazione della filosofia ebraica, partendo dalla convinzione che per comprendere quest'ultima sia necessario soffermarsi su quell'entroterra culturale, rappresentato essenzialmente dalla tradizione orale e dai testi fondanti in cui essa sfocia, che fa da sfondo ma anche da presupposto alla filosofia stessa. L'autrice evidenzia come alcuni elementi dell'ebraismo e dell'antica ermeneutica del testo biblico risuonino nei testi dei filosofi ebrei di svariate epoche e in tal modo riannoda dei fili, spesso sottili e nascosti, tra la filosofia e la ricca e millenaria cultura ebraica.

Luciana Pepi (2019). Una sapienza straniera. Filosofia ed ebraismo nel Medioevo. Palermo : Officina di studi medievali.

Una sapienza straniera. Filosofia ed ebraismo nel Medioevo

Luciana Pepi
2019-01-01

Abstract

"Sapienza straniera" (Hokmah Zarah) è il modo in cui la filosofia viene definita nei testi antichi della tradizione ebraica, Mishna e Talmud, ma davvero la filosofia è estranea all'ebraismo? il testo propone un'inedita presentazione della filosofia ebraica, partendo dalla convinzione che per comprendere quest'ultima sia necessario soffermarsi su quell'entroterra culturale, rappresentato essenzialmente dalla tradizione orale e dai testi fondanti in cui essa sfocia, che fa da sfondo ma anche da presupposto alla filosofia stessa. L'autrice evidenzia come alcuni elementi dell'ebraismo e dell'antica ermeneutica del testo biblico risuonino nei testi dei filosofi ebrei di svariate epoche e in tal modo riannoda dei fili, spesso sottili e nascosti, tra la filosofia e la ricca e millenaria cultura ebraica.
Settore M-FIL/08 - Storia Della Filosofia Medievale
Settore L-OR/08 - Ebraico
978-88-6485-128-0
Luciana Pepi (2019). Una sapienza straniera. Filosofia ed ebraismo nel Medioevo. Palermo : Officina di studi medievali.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MP50_protetto.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: monografia
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 1.18 MB
Formato Adobe PDF
1.18 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/385843
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact