Per Architettura Strategica si intende quel processo di rigenerazione urbana che nell’interfaccia progetto – costruzione utilizza la tecnologia, sia come strumento di conoscenza e di verifica, sia come mezzo di incentivazione alla costruzione di nuovi terreni di condivisione, di innovazione, di competitività e sviluppo. In tal ottica il volume analizza le metodologie e le strategie del “progetto partecipato”. La partecipazione può essere utilizzata come utile strategia per il recupero dell’esistente, soprattutto laddove, la presenza di conflitti urbani ed ambientali, richiede nuovi processi di ri-equilibrio a forte connotazione sociale. Il volume è il risultato della ricerca sulle metodologie e le strategie della “progettazione strategica” finalizzata al controllo delle trasformazioni edilizie ed urbane nell’ottica della sostenibilità ambientale. Il progetto di ricerca si origina da una analisi critica delle misure del POR Sicilia (CdP n.193-31 Maggio 2007) e delle finalità dei PIT (Progetti integrati territoriali), in particolare si fa riferimento all’asse 1 CdP.3.20.b-3.21, 3.21a, ovvero: progetti formativi organizzati dalle Università siciliane in cooperazione con le Istituzioni e le Amministrazioni locali; per la programmazione di interventi di recupero e di riqualificazione ambientale nell’ottica della sostenibilità. Vengono approfondite le problematiche della riqualificazione e della valorizzazione del patrimonio costruito, della compatibilità e della sostenibilità degli interventi, con particolare attenzione sui processi di trasformazione determinate da fenomeni di degrado edilizio ed urbano. Nella seconda parte del volume sono illustrate anche alcune ricerche effettuate presso il Politecnico di Milano, della Seconda Università di Napoli e dell’Università di Pescara.

Vitrano, R. (2008). ARCHITETTURA STRATEGICA. NAPOLI : Luciano Editore.

ARCHITETTURA STRATEGICA

VITRANO, Rosa Maria
2008

Abstract

Per Architettura Strategica si intende quel processo di rigenerazione urbana che nell’interfaccia progetto – costruzione utilizza la tecnologia, sia come strumento di conoscenza e di verifica, sia come mezzo di incentivazione alla costruzione di nuovi terreni di condivisione, di innovazione, di competitività e sviluppo. In tal ottica il volume analizza le metodologie e le strategie del “progetto partecipato”. La partecipazione può essere utilizzata come utile strategia per il recupero dell’esistente, soprattutto laddove, la presenza di conflitti urbani ed ambientali, richiede nuovi processi di ri-equilibrio a forte connotazione sociale. Il volume è il risultato della ricerca sulle metodologie e le strategie della “progettazione strategica” finalizzata al controllo delle trasformazioni edilizie ed urbane nell’ottica della sostenibilità ambientale. Il progetto di ricerca si origina da una analisi critica delle misure del POR Sicilia (CdP n.193-31 Maggio 2007) e delle finalità dei PIT (Progetti integrati territoriali), in particolare si fa riferimento all’asse 1 CdP.3.20.b-3.21, 3.21a, ovvero: progetti formativi organizzati dalle Università siciliane in cooperazione con le Istituzioni e le Amministrazioni locali; per la programmazione di interventi di recupero e di riqualificazione ambientale nell’ottica della sostenibilità. Vengono approfondite le problematiche della riqualificazione e della valorizzazione del patrimonio costruito, della compatibilità e della sostenibilità degli interventi, con particolare attenzione sui processi di trasformazione determinate da fenomeni di degrado edilizio ed urbano. Nella seconda parte del volume sono illustrate anche alcune ricerche effettuate presso il Politecnico di Milano, della Seconda Università di Napoli e dell’Università di Pescara.
88-6026-089-2
Vitrano, R. (2008). ARCHITETTURA STRATEGICA. NAPOLI : Luciano Editore.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ArchStratCop_28mag09[1].pdf

non disponibili

Dimensione 1.67 MB
Formato Adobe PDF
1.67 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/35032
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact