Per un'etica della brevità. Lettura dei «Sillabari» di Parise