UN CASO CLINICO DI ATEROSCLEROSI POLIDISTRETTUALE