L'AMBIGUITA' DI GENERE E IL VIRTUAL SELF