Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla città di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura è formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si può osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta è stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto è stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunità, pensata come assemblea senza fine.

Sciascia, A. (2017). Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia). In Identità dell'architettura italiana (pp.114-115). Parma : Edizioni Diabasis.

Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia)

Sciascia, Andrea
2017-01-01

Abstract

Nel sud della Norvegia, a venticinque chilometri dalla città di Stravenger, in cima a un percorso tortuoso di quattro chilometri, dal fiume Forsand ai fiordi, si eleva un crinale roccioso che guarda il Mare del nord da un’altezza di circa seicento metri. L’altura è formata da uno straordinario costone da cui emerge, come uno sperone, una superficie regolare pianeggiante, conclusa da una parte a forma di pulpito (Pulpit Rock) da cui si può osservare l’immenso e silenzioso paesaggio. Per questo sito straordinario il bando del concorso di idee, proposto dall’Architecture Workshop in Rome, prevedeva la realizzazione di una chiesa temporanea. Tale richiesta è stata utilizzata per una riflessione sul tema della “ecclesia sine tecto”. Il primo atto del progetto è stato a definizione elementare del contesto spaziale, attraverso due assi perpendicolari, nord-sud e est-ovest, utili a definire i margini della porzione orientale del piano. La scelta della “ecclesia sine tecto” e dell’impianto a croce danno torma ad un’architettura temporanea ma, il cui valore ideogrammatico rappresenta l’essenza dell'insediarsi e della Chiesa comunità, pensata come assemblea senza fine.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
4-dic-2017
Identità dell'architettura italiana
Firenze
4-5 dicembre
15°
dic-2017
2017
2
A stampa
Il convegno è svolto con il patrocinio di Casabella
Sciascia, A. (2017). Pregare sulla roccia. Pulpit Rock Church (Norvegia). In Identità dell'architettura italiana (pp.114-115). Parma : Edizioni Diabasis.
Proceedings (atti dei congressi)
Sciascia, Andrea
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
identità 15.compressed.pdf

accesso aperto

Dimensione 911.25 kB
Formato Adobe PDF
911.25 kB Adobe PDF Visualizza/Apri
pubbl_4_18_pulpit.pdf

accesso aperto

Dimensione 911.25 kB
Formato Adobe PDF
911.25 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/10447/250659
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact