Per far scena di me tragica e mesta: il Lamento di Didone tra classicità e barocco