Difficoltà visuospaziali e sindrome di Williams. Analisi di un caso