Scrittura e presenza. Sulle tracce di Georges Bernanos e Jean Sulivan