This book is an account of a meeting with Gaspare Spatuzza, a “man of honour” from the Brancaccio mafia “family”. The narrative journey also features personal catharsis, social commentary and a strenuous search for a new approach to life. Spatuzza’s direct and vital testimony, collected by the author in a secret location where the man is imprisoned, unveils the story of a youth from the outskirts of Palermo who was attracted and then co-opted by Cosa Nostra. For a long time he shared its logic and ruthless cruelty, in due course becoming a local boss and playing a prominent role in the carnage of the 1990s. It is also the story of a man who, after his arrest, became a resolute witness turning state’s evidence, highlighting the political system’s complicity and casting doubt on the prosecution strategy of three important trials, thereby throwing to the wind 13 years’ of investigative and judicial efforts. Gaspare Spatuzza also underwent an uneasy religious conversion, asking forgiveness from the victims of his cruelty in a quest to atone for his sins.

C’è un periodo della storia del nostro Paese che avremmo potuto raccontare come fosse il momento si sono aperte le porte dell’inferno. Questo sono state le stragi di mafia dei primi anni Novanta, con i lutti e le distruzioni provocate dall’attacco allo Stato da parte di Cosa Nostra e di altri poteri occulti. Si tratta di vicende narrate e indagate in tanti modi. La novità di questo studio è la strada, il percorso attraverso cui il lettore può esplorare la quotidianità di Cosa Nostra, quell’inferno dei vivi che – dopo aver tentato di fare guerra allo Stato – ancora oggi brucia vite umane, tiene sotto giogo interi quartieri, città, economie nazionali e internazionali. Il libro è il racconto di lunghe conversazioni con Gaspare Spatuzza, uomo d’onore della famiglia di Brancaccio, uno dei “diavoli” che ha deciso di fuggire dall’inferno, provando a chiuderne le porte dietro di sé e che ora accetta di intraprendere un lungo viaggio narrativo che è anche catarsi personale, denuncia sociale e ricerca faticosa di una nuova dimensione di vita. La storia di Spatuzza è quella di un giovane della periferia palermitana attratto e cooptato da Cosa Nostra di cui ha condiviso a lungo la logica e spietata crudeltà, divenendo reggente del mandamento mafioso di Brancaccio e ritagliandosi uno spazio di rilievo nelle stragi di fine anni Novanta; ma è anche – dopo il suo arresto – quella del risoluto collaboratore di giustizia che chiama in causa delicate responsabilità politiche e che mette in discussione l’impianto processuale di tre procedimenti giudiziari, azzerando tredici anni di lavoro di magistrati e inquirenti. Gaspare Spatuzza, infine, è anche il protagonista di una sofferta conversione religiosa, convinto che occorra espiare i propri peccati, chiedendo perdono alle vittime delle sue crudeltà. “Con il dolore si impara” ricorda Eschilo nel coro dell’Agamennone. E di un dolore non solo personale ma anche storico ed “epocale” il libro è testimonianza e memoria. Un dolore che oggi – a distanza di più di venti anni dalle stragi – si alimenta di un ulteriore elemento, “l’offesa della verità” tradita dalle menzogne, dalle false piste di indagine, dalle banali semplificazioni per il pubblico dei non addetti ai lavori. Questo dolore – nel libro – diventa strumento di conoscenza e di esplorazione; lucido e spietato dispositivo per portare alla luce contraddizioni e bugie, per far rivivere esperienze traumatiche e dare espressione ai vissuti, anche i più sgradevoli che questa storia contiene.

Dino A. (2016). A colloquio con Gaspare Spatuzza. Un racconto di vita, una storia di stragi. Bologna : il Mulino.

A colloquio con Gaspare Spatuzza. Un racconto di vita, una storia di stragi

DINO, Alessandra
2016

Abstract

C’è un periodo della storia del nostro Paese che avremmo potuto raccontare come fosse il momento si sono aperte le porte dell’inferno. Questo sono state le stragi di mafia dei primi anni Novanta, con i lutti e le distruzioni provocate dall’attacco allo Stato da parte di Cosa Nostra e di altri poteri occulti. Si tratta di vicende narrate e indagate in tanti modi. La novità di questo studio è la strada, il percorso attraverso cui il lettore può esplorare la quotidianità di Cosa Nostra, quell’inferno dei vivi che – dopo aver tentato di fare guerra allo Stato – ancora oggi brucia vite umane, tiene sotto giogo interi quartieri, città, economie nazionali e internazionali. Il libro è il racconto di lunghe conversazioni con Gaspare Spatuzza, uomo d’onore della famiglia di Brancaccio, uno dei “diavoli” che ha deciso di fuggire dall’inferno, provando a chiuderne le porte dietro di sé e che ora accetta di intraprendere un lungo viaggio narrativo che è anche catarsi personale, denuncia sociale e ricerca faticosa di una nuova dimensione di vita. La storia di Spatuzza è quella di un giovane della periferia palermitana attratto e cooptato da Cosa Nostra di cui ha condiviso a lungo la logica e spietata crudeltà, divenendo reggente del mandamento mafioso di Brancaccio e ritagliandosi uno spazio di rilievo nelle stragi di fine anni Novanta; ma è anche – dopo il suo arresto – quella del risoluto collaboratore di giustizia che chiama in causa delicate responsabilità politiche e che mette in discussione l’impianto processuale di tre procedimenti giudiziari, azzerando tredici anni di lavoro di magistrati e inquirenti. Gaspare Spatuzza, infine, è anche il protagonista di una sofferta conversione religiosa, convinto che occorra espiare i propri peccati, chiedendo perdono alle vittime delle sue crudeltà. “Con il dolore si impara” ricorda Eschilo nel coro dell’Agamennone. E di un dolore non solo personale ma anche storico ed “epocale” il libro è testimonianza e memoria. Un dolore che oggi – a distanza di più di venti anni dalle stragi – si alimenta di un ulteriore elemento, “l’offesa della verità” tradita dalle menzogne, dalle false piste di indagine, dalle banali semplificazioni per il pubblico dei non addetti ai lavori. Questo dolore – nel libro – diventa strumento di conoscenza e di esplorazione; lucido e spietato dispositivo per portare alla luce contraddizioni e bugie, per far rivivere esperienze traumatiche e dare espressione ai vissuti, anche i più sgradevoli che questa storia contiene.
Settore SPS/12 - Sociologia Giuridica, Della Devianza E Mutamento Sociale
Settore SPS/08 - Sociologia Dei Processi Culturali E Comunicativi
978-88-15-26524-1
Dino A. (2016). A colloquio con Gaspare Spatuzza. Un racconto di vita, una storia di stragi. Bologna : il Mulino.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Dino - A colloquio con Gaspare Spatuzza.pdf

Solo gestori archvio

Descrizione: Testo integrale con copertina
Tipologia: Versione Editoriale
Dimensione 3.37 MB
Formato Adobe PDF
3.37 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/183627
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact