La “questione” del quartiere ZEN 2 di Palermo è una delle più controverse dell’ultimo trentennio della storia dell’architettura italiana. Dal 1970, anno in cui venne bandito il concorso nazionale per il completamento del quartiere (Zona Espansione Nord), attraverso un percorso complesso e problematico, si giunge all’attuale condizione di incompletezza dello ZEN, ormai abbandonato al destino di “quartiere dormitorio”. Il libro percorre i vari passaggi, dal progetto alla realizzazione, che hanno generato la questione dello ZEN 2, sviscerandone le cause determinanti che vanno ben oltre l’esecuzione parziale dell’opera e il suo degrado materiale e sociale, ma sono da rintracciare in motivazioni più profonde. Lo ZEN 2 catalizza la critica feroce nei confronti del progetto moderno che ancora negli anni '70 tentava di costruire una società più giusta dando alle classi meno abbienti, attraverso l’architettura urbana, una riconoscibilità sociale mai avuta in passato. Spesso i pregiudizi, più delle motivate interpretazioni critiche, hanno impedito di capire come i progettisti dello ZEN 2 avevano perseguito il loro obiettivo “moderno” anche con il recupero della lezione stratificata prove- niente dal centro storico della città. È questa l’intuizione che guida la ricognizione critica compiuta dall’autore, che cerca di mettere in luce le originarie qualità del progetto e di proporre un'ipotesi di progettazione urbana che risolva alcune delle contraddizioni che affliggono una ben più vasta parte della città, impropriamente definita periferia.

Sciascia, A. (2003). Tra le modernità dell’architettura. La questione del quartiere ZEN 2 di Palermo. PALERMO : L'EPOS.

Tra le modernità dell’architettura. La questione del quartiere ZEN 2 di Palermo

SCIASCIA, Andrea
2003

Abstract

La “questione” del quartiere ZEN 2 di Palermo è una delle più controverse dell’ultimo trentennio della storia dell’architettura italiana. Dal 1970, anno in cui venne bandito il concorso nazionale per il completamento del quartiere (Zona Espansione Nord), attraverso un percorso complesso e problematico, si giunge all’attuale condizione di incompletezza dello ZEN, ormai abbandonato al destino di “quartiere dormitorio”. Il libro percorre i vari passaggi, dal progetto alla realizzazione, che hanno generato la questione dello ZEN 2, sviscerandone le cause determinanti che vanno ben oltre l’esecuzione parziale dell’opera e il suo degrado materiale e sociale, ma sono da rintracciare in motivazioni più profonde. Lo ZEN 2 catalizza la critica feroce nei confronti del progetto moderno che ancora negli anni '70 tentava di costruire una società più giusta dando alle classi meno abbienti, attraverso l’architettura urbana, una riconoscibilità sociale mai avuta in passato. Spesso i pregiudizi, più delle motivate interpretazioni critiche, hanno impedito di capire come i progettisti dello ZEN 2 avevano perseguito il loro obiettivo “moderno” anche con il recupero della lezione stratificata prove- niente dal centro storico della città. È questa l’intuizione che guida la ricognizione critica compiuta dall’autore, che cerca di mettere in luce le originarie qualità del progetto e di proporre un'ipotesi di progettazione urbana che risolva alcune delle contraddizioni che affliggono una ben più vasta parte della città, impropriamente definita periferia.
Settore ICAR/14 - Composizione Architettonica E Urbana
88-8302-212-2
Sciascia, A. (2003). Tra le modernità dell’architettura. La questione del quartiere ZEN 2 di Palermo. PALERMO : L'EPOS.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sciascia (ZEN).pdf

accesso aperto

Descrizione: monografia completa
Dimensione 8.06 MB
Formato Adobe PDF
8.06 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10447/162633
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact